Probabilmente eretta nel tardo Settecento, si ipotizza su disegni dell'ottimo architetto Soave per il professor Bassian Carminati.

Stucchi ne decorano pareti e volte; degna di menzione è la sala elittica in puro stile neo-classico.

Questa piacevole costruzione più avanti passò ai Resta Pallavicino, quindi, anni dopo, fu acquistata dal Cavaliere dei lavoro Giuseppe Scacchi. Quest'ultimo, tra la fine degli anni Quaranta e i primissimi dei successivo decennio, portò a termine importanti lavori di ripristino, lasciando inalterate le sue originarie linee architettoniche.

Da diversi anni è sede dalla Gerardo Panini Due, S.p.A.