E' l'unica proprietà sul lago di Como che possieda un autentico ascensore che collega la villa-chalet, a lago, all'altra costruzione, di colore giallo, che sorge a livello della strada "Lariana".

Verso il 1850 il principe russo Troubetzkoy, che aveva in moglie una figlia della grande danzatrice Maria Taglioni, fece abbattere una preesistente costruzione rurale iniziando i lavori per la propria casa. Reduce da sei anni di lavori forzati in Siberia, inflittigli dallo Zar per tentata insurrezione, il principe optò per una soluzione più idonea al suo spirito e scelse Blevio, sul lago di Como. Poichè molte rocce affollavano la riva dove Troubetzkoy desiderava la propria dimora, per spianare il terreno più in fretta fece brillare molte mine, meritandosi il soprannome di principe "Turbascogli".

I signori milanesi Pozzi ne sono proprietari da molti anni e vi hanno apportato notevoli migliorie e comodità, non ultimo l'ascensore.